I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

BED & BREAKFAST - CASE VACANZE

CEFALÙ - PALERMO - SICILIA - ITALIA

Cefalù

La cittadina, che fa parte del Parco delle Madonie, è inclusa nel club de I borghi più belli d'Italia, l'associazione dei piccoli centri italiani che si distinguono per la grande rilevanza artistica, culturale e storica, per l'armonia del tessuto urbano, la vivibilità e i servizi ai cittadini.

Il gergo cefalutano, che è quella dei pescatori, ci aiuta a comprendere meglio le origini del nome Cefalù. La Pronuncia dei pescatori è "Cifalò", come il greco pronunciare, Cef o Cif-Alò. Cef significa "testa" o "estremo", in alto, o ancora "fonte di fiume" (Kefalion e Kefalis). Di questi, "testa" ci ricorda la Rocca enorme che sovrasta la città (la soluzione universale accreditato), mentre la "sorgente del fiume", potrebbe essere la fonte di acqua ricca che sgorga a livello del mare.

Il nucleo medioevale della cittadina, è ubicata sotto la rocca di Cefalù che la domina e insieme al Duomo ne caratterizza il profilo tanto da renderne il panorama tipico e molto riconoscibile. Fuori dai confini del centro storico, il nucleo urbano si è esteso a cavallo della piccola area pianeggiante che separa la rocca dal resto del sistema collinare della costa espandendosi ulteriormente a mezza costa sui pendii delle colline lungo la costa.

Nel IV secolo a.C. i Greci diedero al centro indigeno il nome di Κεφαλοίδιον (Kefaloidion), dal greco kefa o kefalé, ovvero «testa, capo»; riferito probabilmente al suo promontorio. Non è da escludere tuttavia la ripresa fonetica dall'aramaico (lingua cananaica strettamente affine al fenicio) kephas («pietra, roccia»), dunque sempre in riferimento al promontorio.

Nel 307 a.C. venne conquistata dai Siracusani e nel 254 a.C. dai Romani, che le diedero in latino il nome di Cephaloedium. La città ellenistico-romana ebbe una struttura urbanistica regolare, formata da strade secondarie confluenti sul principale asse viario e chiusa ad anello da una strada che segue il perimetro della cinta muraria.

Stemma città di CefalùLo stemma della Città rappresenta degnamente le caratteristiche peculiari di Cefalù: sullo scudo azzurro (il mare = potenza e ricchezza) tre pesci d’argento ordinati in pergola col capo rivolto ad una figura centrale rotonda d’oro (un pane, un pomodoro o, meglio, un bisante = feracità dei campi e ricchezza). Il pesce ed il pane sono simboli della cristianità: miracolo della moltiplicazione ed eucaristia. Nello stemma caratteristiche greche, islamiche e cristiane si fondono perfettamente.

Nel mare (talatta per i Greci), tre(thalatha in arabo) sono i pesci, tanti quanti sono i bracci del Parlamento Siciliano, le valli di Sicilia, le Persone della Trinità, le religioni monoteistiche. Triangolo e cerchio, perfette geometrie, simbolo di spiritualità e perfezione. Trinacria e triquetra, luna e sole, argento e oro. Quest’ultimo è fondamentale nella definizione dello stemma; non mi sembra, infatti, un fatto occasionale che ilsimbolo dell’oro per gli alchimisti arabi, se dovesse essere descritto in termini araldici, si blasonerebbe così: tre pesci ordinati in pergola col capo rivolto ad una figura puntiforme posta al  centro.

 

Pieno di significato e anche il simbolo della città, che si compone di tre pesci per il pane. Questi sono i "mullet", ha tempo per la presunzione di Vincenzo Auria in "Origine ed età di Cefalu '(1655), forse il nome della città deriva da questo particolare pesce locale direttamente attraverso il capo della proporzione segnate sul resto del corpo, l'emblema può essere interpretato come religioso laico Nel primo caso, il pesce e il pane sono il carattere tradizionale delle principali attività diCefalù .. pesca e l'agricoltura per il secondo, il pesce era un simbolo del premio prime comunità cristiane, durante il periodo di persecuzione e disegretezza. pesce la parola è IXTHOS greche o Gesù Cristo dei Filius Salvator, mentre il pane del wafer, che l'Eucaristia è simboleggiato.

Cefalù nel XVIII secolo. avuto i privilegi del Senato. Un altro simbolo speciale, un simbolo, un simbolo di autorità civili: il "bastone d'argento" che un concessionario è circondato da quattro pagine in magna mantello di velluto, porta avanti del Sindaco e del Consiglio nelle cerimonie religiose, e più precisamente, il Venerdì Santo e la festa del SS Salvatore 6 Agosto Giorno della processione.
Era bizantina e arabi in 858 Nel 1083 conquistata dai Normanni di Ruggero I e suo figlio Ruggero II, re, ha avuto il grande privilegio di loro scelta come sede di adozione. È stato costruito da Ruggero II di suo, è la Basilica-cattedrale magnifica e la città aveva molti privilegi in terra e in mare. La città diCefalù è stato sottoposto nobili famiglie: Chiaramonte (1348), la parte posteriore Ventimiglia (OMS 1352) per l'anno 1430. Nel 1451 spiega alcuni privilegigoduti città Stato della città. Tra il 1500 e il 1600 la città era con bastioni.
Il secolo dei Lumi sembrava assolutamente passiva, perché ha offerto la Cefalù in Sicilia ed i grandi uomini del mondo della cultura come il secolo del Risorgimento Cefalù era politicamente attivo come enciclopedico Rosario Porpora e la rivolta del 1820, e in quella del 1848. Parlamento Ruggero SettimoCefalù erano tre deputati: Antonino Agnello, Carlo Ortolani, il Bordonaro, Enrico Piraino di Mandralisca.